Utilizziamo i cookies per migliorare l'usabilità del sito. Continuando nella navigazione del sito accetti l'uso dei cookies.

  • Farmaci di libera vendita (OTC/SOP)

  • Medicinali Omeopatici

  • Tisane Personalizzate

  • Farmacia Veterinaria

  • Professionalità & Accoglienza

Copyright 2017 - Custom text here

Quasi sicuramente è un problema di circolazione. Il sistema microcircolatorio, costituito da piccoli vasi venosi, è necessario per portare ossigeno e nutrienti alle cellule dei vari tessuti e allontanare da quest' ultime gli scarti metabolici. La circolazione di ritorno dagli arti inferiori (come quella linfatica) viene mossa contro la forza di gravità grazie non solo al lavoro svolto dal cuore ma anche dai muscoli dei vasi che contraendosi e distendendosi agiscono come pompa idraulica. Uno scorretto stile di vita come l'eccessiva sedentarietà o passare molte ore in piedi, portare scarpe con tacchi alti, una alimentazione non equilibrata possono portare ad una alterazione e affaticamento delle strutture di sostegno e quindi della funzionalità del microcircolo.

Cosa fare allora?                         Gambe

Innanzitutto muoversi! Se si è impossibilitati a fare qualche attività sportiva due o tre semplici esercizi possono esservi di aiuto.

Provate i seguenti:

1- Seduti con i piedi ben a terra mani sulle cosce, sollevare alternativamente i talloni in modo da far lavorare i muscoli gemelli. Ripetere almeno una decina di volte.

2- Stesso esercizio di prima ma in piedi e con gambe incrociate. Sollevarsi in punta di piede alternando il movimento tra piede destro e sinistro.

3- In piedi, alzare prima una gamba tenendola ad angolo retto rispetto al corpo, poi abbassandola, appoggiare prima il tallone. Ripetere l'esercizio con l'altra gamba. Eseguire dalle 10 alle 20 serie.

I disturbi del microcircolo possono essere trattati con una corretta integrazione dietetica sia con adeguate preparazioni per uso locale. A titolo di esempio integratori e pomate dovrebbero contenere almeno un paio dei seguenti componenti: Ippocastano, con azione astringente, Centella che favorisce la circolazione, Mentolo con azione rinfrescante e anestetica, Vite Rossa e Rusco contenenti flavonoidi in grado di tonificare i vasi e riequilibrarne la permeabilità.

Possono inoltre essere impiegati farmaci a base di diosmina, molecola semisintetica con elevata capacità tonica sui vasi e di riduzione della permeabilità con azione drenante anche sul sitema linfatico. Si consiglia comunque di consultare il proprio medico e/o farmacista perchè, pur essendo di derivazione naturale, questi prodotti non sono del tutto privi di effetti collaterali.

Una delle carenze minerali più diffusa nell'essere umano è proprio quella del ferro.

Un deficit di questo elemento, se trascurato, può evolvere in anemia patologica ed h ripercussioni negative su altri sistemi e meccanismi biologici.

Quando può essere necessario un maggior fabbisogno di ferro?

Durante la gravidanza e l'allattamento perchè lo sviluppo del feto richiede un aumentato apporto di ferro (studi clinici dimostrano che una sua carenza può incidere negativamente sul normale accrescimento) così come nel periodo di allattamento il fabbisogno di ferro nella donna risulta aumentato

Quando si ha un forte sanguinamento come ad esempio durante un ciclo mestruale abbondante.

I bambini e i ragazzi che non mangiano abbastanza o che consumano alimenti poveri di questo minerale così chi segue diete vegetariane e vegane, gli uni perché il fabbisogno di ferro aumenta per il ritmo rapido di crescita e sviluppo osseo e muscolare, gli altri per le ridotte quantità assimilate.   

Chi fa intensa attività fisica, non solo perde sodio e potassio ma l'aumentata sudorazione comporta anche una maggiore perdita di ferro; bassi livelli di questo minerale possono causare affaticamento e scarsa resistenza dato che il sangue trasporta via via sempre meno efficacemente l'ossigeno ai muscoli in movimento.

 In commercio esistono ormai svariati integratori di ferro per ogni tipo di esigenza, non esitare quindi di chiedere un parere al tuo medico o al tuo farmacista che sapranno indicarti quello più adatto.

Come sempre, la prevenzione prima di tutto.

Search

f t g