Utilizziamo i cookies per migliorare l'usabilità del sito. Continuando nella navigazione del sito accetti l'uso dei cookies.

  • Farmaci di libera vendita (OTC/SOP)

  • Medicinali Omeopatici

  • Tisane Personalizzate

  • Farmacia Veterinaria

  • Professionalità & Accoglienza

Copyright 2017 - Custom text here

 Dolori Articolari  Molte persone sperimentano ogni giorno patologie di tipo acuto o cronico dell'apparato locomotore, dal classico “colpo della strega” per aver sollevato un peso o aver fatto un movimento sbagliato, ai dolori insopportabili al polso a causa del tunnel carpale, al dolore alle ginocchia o alle spalle per via della “classica” artrosi . Due sono le strade percorribili e una non esclude l'altra: i farmaci antinfiammatori, da assumere per bocca  e da applicare localmente con pomate e unguenti , oppure il calore applicato alla zona dolente generato da fonti diverse (chimiche o fisiche). Il calore, infatti, come dimostrato da più studi tra i quali degno di nota quello della University College of London ("Heat Halts Pain Inside The Body." ScienceDaily, 5 July 2006), disattiva i messaggi dolorifici che il cervello invia al corpo. Poiché gli antinfiammatori, seppur si usassero quelli più blandi, non sono mai privi dal rischio di effetti collaterali,  i pazienti, sempre più spesso, si rivolgono ai dispositivi medici che sviluppano calore. Tra questi, da poco in Italia, ma sperimentati con successo da molti anni in Austria, ci sono le fasce terapeutiche MyMobilitas. Come funzionano? Queste fasce presentano un sistema tessile multistrato che agisce trattenendo il calore irradiato dal corpo e conservando la temperatura interna di 37°C creando un microclima caldo e asciutto e prevenendo la ritenzione di umidità (si possono usare anche in estate senza temere di svegliarsi in un bagno di sudore). Inoltre, per via dei micro movimenti notturni del corpo, si ha un continuo e leggero effetto massaggiante che rilassa i muscoli e favorisce la circolazione sanguigna. In tutti gli studi clinici effettuati solo il 3% degli interessati non ha notato alcun miglioramento, mentre per oltre il 70% si è avuto un notevole sollievo dei sintomi con riduzione del dolore e addirittura per i restanti pazienti la totale scomparsa del dolore. Che altro dire, provare per credere.

Search

f t g